DOCUMENTI

FRATELLI DELLA SACRA FAMIGLIA – PROVINCIA MADONNA DI LORETO

CONSIGLIO PROVINCIALE – VERBALE N. 663/13

Riunione di sabato 23 gennaio 2021

 

Il giorno 23 gennaio 2021   il Consiglio provinciale della Provincia Madonna di Loreto si riunisce alle ore 16.00.

Tutti i consiglieri sono presenti o in collegamento skype.

Un momento di preghiera,

guidato da fratel Mauro, apre l’incontro.

Viene letto e approvato all’unanimità il verbale n. 662 12 della riunione precedente.

Si procede poi all’esame dei punti dell’ordine del giorno.

  1. Esame della situazione delle comunità della provincia Madonna di Loreto a qualche mese dall’inizio della loro ricomposizione:
  • Aguascalientes: la vita comunitaria e di relazione è molto migliorata con l’arrivo di fratel Delio; presenta però due motivi di provvisorietà: la salute piuttosto precaria dei due fratelli e motivi burocratici quali la situazione del permesso di soggiorno di fr Delio e Aris, per cui si dovranno valutare le possibilità reali di rinnovo; nonché la non validità in Messico della patente di guida per entrambi. Stanno inoltre procedendo i lavori di pavimentazione dei cortili e di illuminazione degli stessi. La spesa è coperta da sovvenzioni pubbliche e da alcuni benefattori.
  • Tijuana: i Fratelli non sembrano preoccuparsi per la preparazione del passaggio ai laici della gestione della scuola. Di recente comunque il nominativo della direttrice delle medie è stata indicata per entrare a far parte dell’équipe interprovinciale che elaborerà il documento riguardante la garanzia apostolica e carismatica delle nostre scuole che non vedono alcuna presenza di Fratelli. Si spera che ciò serva da stimolo per proseguire nella direzione intravista.
    Fratel Luigi L. mette al corrente il Consiglio che l’hermano Beto, attualmente in periodo di esclaustrazione, ha continuato nei mesi scorsi a ricevere uno stipendio come dipendente della scuola di Tijuana, come avviene per gli altri Fratelli. Dopo un scambio di osservazioni a questo riguardo, e soprattutto condividendo uno stato d’animo di sconforto per tale comportamento assunto dai Fratelli di Tijuana, si è deciso che il Fratello Animatore provinciale contatterà i Fratelli della comunità per iscritto e fratel Giacomo Bonardi anche a voce, per cercare di chiarire e porre fine a tale motivo di divisione interno alla provincia. Prima di attuare detto intervento il Provinciale intende sentire il parere di fr Enzo e di hno Javier, Animatore generale.
  • Belley: le notizie della comunità arrivano attraverso fratel Yves e fratel Lino, perché è difficile comunicare con gli altri; i rapporti in comunità non sono conflittuali ma molto distaccati; un motivo in più di isolamento e incomunicabilità è data dalla condizione di sordità di più di qualcuno tra i Fratelli. Fr Jean rappresenta sempre un freno al passaggio dei vari incarichi di tipo amministrativo ai fratelli Lino e Yves.
  • Dagneux: nulla da segnalare di particolare.
  • Villa Brea: fr Marco, l’animatore comunitario sta facendo un buon lavoro per una migliore gestione dei dipendenti e dei loro rapporti con la comunità dei Fratelli. L’assunzione di Matteo si è rivelata un’ottima cosa sia per la cura degli anziani sia per l’aiuto al CAM. Il Covid-19 al momento non permette nessuna attività di animazione all’esterno e di accoglienza di gruppi di persone: ciò fa sì che la linea di evoluzione di Villa Brea come progetto comunitario sia ancora parziale.
  • Torino: si fa notare la difficoltà di inserimento dell’animatore comunitario nella scuola, perché manca chiarezza sul suo ruolo nella gestione della scuola. Va presa seriamente in considerazione la situazione di fratel Giancarlo, che da anni non ha più un ruolo stabile nella scuola, anche se continua la sua presenza, non sempre esattamente opportuna soprattutto al piano delle elementari.
  • Marocchi: le attività parrocchiali sono molto limitate per il Covid e i fratelli si ritrovano chiusi in casa senza poter svolgere le mansioni previste, soprattutto Fr Mariano.
  • Taggia: anche a Taggia l’attività ordinaria di accoglienza di pellegrini e gruppi è molto ridotta. La comunità sembra aver raggiunto un suo equilibrio interno. E’ giunto il Progetto di Vita Comunitaria.
  • Verona: nulla di particolare da segnalare. Naturalmente anche in questo caso, dopo il lungo periodo di disagio domestico dovuto a lavori in casa, la situazione covid continua a condizionare i rapporti dei Fratelli con l’esterno, soprattutto per Silvio e Vincenzo.
  • Altri Fratelli: fratel Luciano Z. si sta inserendo nella comunità di Guaranda e sembra contento. Verranno pubblicate alcune linee informative che ha inviato. Nessuna notizia particolare da fratel Enrico L. a Roma.

 

  1. Alcune precisazioni o aggiornamenti da parte dell’Animatore provinciale:
  • le visite canoniche sono al momento sospese; se da marzo si potrà viaggiare verranno riprese, altrimenti si svolgeranno online. L’ipotesi messa in campo con l’Animatore generale per il Messico è di aprile/maggio, ma sarà da verificare in seguito;
  • per febbraio verrà organizzato un incontro on-line degli animatori locali seguito da un incontro con gli economi locali;
  • eredità del sig Plantier: fratel Yves ha comunicato che la somma di 37.205,29 € è stata lasciata dal sig. Plantier, ex dell’OGEC, alla nostra provincia, e, dopo non semplici azioni burocratiche, è stata ottenuta. La somma verrà devoluta alle scuole di Dagneux, Torino e del Burkina;
  • a Dagneux il comune ha comperato dai Fratelli un appezzamento di terreno in località Chartinières in prossimità di Saint Louis per esigenze di scolo di acque piovane. Si tratta di 823 m2 che la Mairie acquista per 78 € al m2 così come per tutti i proprietari coinvolti;
  • fratel Timothèe sta concludendo l’iter di naturalizzazione francese; può essere un esempio da studiare e seguire, in vista della riorganizzazione dell’Istituto e di eventuali nostri rapporti con la provincia di Sainte-Anne, che contemplino magari l’arrivo in Europa di altri Fratelli burkinabè. L’Animatore provinciale sta pensando ad un eventuale intervento al Capitolo in cui il Fratello racconti e rilegga la propria esperienza in merito;
  • ha preso avvio la pratica per il cambio di legale rappresentante da fr Albino a fr Roberto. A breve la documentazione pervenutaci dall’Amministrazione generale verrà portata in Prefettura per il prossimo step burocratico.

 

  1. Assemblea capitolare:

all’unanimità il Consiglio vota per la sua celebrazione dal 19 al 24 luglio 2021 nella casa alpina di Challand Saint-Anselme. Fratel Mauro accompagnerà l’invito ufficiale di partecipazione con una comunicazione per motivare i Fratelli a partecipare. Nelle prossime riunioni di consiglio si studierà meglio l’organizzazione e la preparazione dei Fratelli a questo evento.

Si comincia a formulare un elenco di tematiche concrete, su cui si vorrebbe un pronunciamento dell’assemblea capitolare. L’elenco va integrato, magari con l’apporto di tutti i Fratelli. Poi se ne valuterà la priorità e ciò che realisticamente si riesce a fare al Capitolo. Obiettivi:

  1. discernimento in vista dei prossimi anni: vita religiosa, comunità, formazione…
  2. formulazione di ipotesi in vista della riorganizzazione dell’istituto, in continuità con il Capitolo generale
  3. discernimento rispetto ad alcuni punti scoperti della provincia: quali?
  • Messico: futuro della scuola di Tijuana
  • Messico: futuro della presenza dei Fratelli ad Aguascalientes ed eventualmente con quale progetto
  • Messico: futuro in generale della presenza di Fratelli italiani in Messico come parte della provincia lauretana
  • Italia: futuro della scuola di Torino
  • Italia: futuro di Villa Brea
  • Italia: futuro della Fraternità Nazarena (vari gruppi in Provincia) o altre forme di organizzazione laicale in provincia
  • Francia: futuro della presenza dei Fratelli in Francia

 

  1. Incontro con il sig. Lorenzo Lascala di Equilibrea

Il responsabile di Equilibrea, che gestisce il centro sportivo di Villa Brea, presenta il bilancio dell’anno trascorso 2020, mettendo in evidenza la forte diminuzione delle entrate rispetto alle spese che sono rimaste quasi immutate. Ha precisato che fino ad ora ha sempre pagato l’affitto stabilito e chiede al Consiglio provinciale di considerare la possibilità di una qualche forma di aiuto per i prossimi tempi. L’intento è naturalmente quello di resistere a fronte di diverse altre palestre della zona che hanno chiuso e prepararsi ad un rilancio nel momento in cui si potrà riaprire con decisione.

 

  1. Fratel Mauro illustra brevemente la circolare dell’Animatore Generale sul discernimento e chiede ai consiglieri di fargli avere le loro impressioni dopo la lettura personale, per valutare su quali elementi sia opportuno richiamare l’attenzione dei Fratelli.

 

  1. Fratel Mauro comunica che sta preparando la comunicazione da inviare ai Fratelli, nella quale parlerà di diversi temi tra cui:
  • il benessere psicologico e relazionale dei Fratelli. Si fa notare che le cause di questo malessere possono essere diverse, tra cui la salute, la scarsa accettazione reciproca in comunità, la situazione di chiusura prolungata creata dal covid. Ci si chiede quali attenzioni possono essere messe in atto per favorire il benessere psico-fisico dei Fratelli;
  • la gestione del denaro: si nota una certa disinvoltura da parte di qualche fratello nella gestione del denaro, soprattutto in relazione ad offerte e opere di bene; La somma cosiddetta “a disposizione personale” continua a conservare ampi margini di interpretazione personale; è vero che c’è un cambiamento dei tempi e della mentalità, ma il voto di povertà esige la condivisione comunitaria del denaro, qualunque sia la sua provenienza e il suo utilizzo.

 

  1. Giornata di Fraternità: è di consuetudine la prima domenica dopo Pasqua. Al momento non si prende nessuna decisione né sul luogo né sulle modalità di svolgimento, in attesa di vedere come evolve la situazione sanitaria in Piemonte per valutare la possibilità di spostamento tra regione e regione e quella di raggruppamento.

 

  1. “Semplicemente Fratello” : fratel Davide, come incaricato della rivista, presenta alcune perplessità sull’efficacia della comunicazione, sulla platea dei destinatari e sul costo. Si concorda che la Provincia ha bisogno di uno strumento di comunicazione, che non deve essere necessariamente cartaceo, e che raggiunga e sia realmente rappresentativo di tutta la provincia, con i suoi tre settori (ita/fra/mex). La questione va approfondita. Il prossimo numero verrà ancora effettuato ed inviato nella maniera consueta, corredato però di avviso di necessaria comunicazione nel caso si intenda continuare a ricevere tale bollettino.

 

Calendario dei prossimi incontri: 20 febbraio, 20 marzo, 24 aprile, 22 maggio.

continua